Comune di Savignano sul Panaro

Urbanistica - Edilizia Privata - SUAP > SUAP (Attività Produttive) > Feste, manifestazioni e sagre

FESTE, MANIFESTAZIONI E SAGRE

                Circolare Gabrielli    

 

il 3 giugno 2017, il falso allarme sulla presunta presenza di una bomba, in piazza San Carlo a Torino, durante una manifestazione organizzata per la finale di Champions League, tra Juventus e Real Madrid, scatenò il panico tra la folla provocando un morto e 1500 feriti.

Questo fatto ed il tragico attentato avvenuto a Barcellona, hanno imposto al Capo della Polizia-Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Franco Gabrielli, a diramare a tutte le Prefetture d’Italia la circolare  n. 555/OP/0001991/2017/1.

Il provvedimento citato, ha definitivamente imposto la predisposizione di una serie di misure di sicurezza da attuare in occasione di feste, sagre, spettacoli ed eventi aperti al pubblico.      

PER APPROFONDIRE E FARSI UN'IDEA CONCRETA, SI CONSIGLIA DI PRENDERE VISIONE DELLE LINEE GUIDA DELLA PREFETTURA DI GENOVA.

Link :  http://www.comune.genova.it/sites/default/files/upload/municipio-2/2017/Documenti/linee_guida.pdf

COSA FARE 

 

  • CASO 1
  • Manifestazioni con massimo 200 persone: si conclude entro le ore 24:00 del giorno di inizio       almeno 15 giorni prima
    • presentare Autocertificazione (Tabella A di valutazione del rischio);
    • presentare Scia in sostituzione di domanda per spettacoli (art. 68 Tulps) o trattenimento (art. 69 Tulps)
    • la quale contiene i seguenti quadri:
      • OBBLIGATORIO ...........  parte prima del modello (anagrafica) e quadro A descrizione generale;
      • OBBLIGATORIO ...........  quadro B (iniziative non soggette ad Art. 80 Tulps);
      • OBBLIGATORIO ............ quadro C (Rumore);
      • SOLO SE PRESENTE ........ quadro D (somministrazione alimenti e bevande);
      • SOLO SE PRESENTE ......... per richiesta suolo pubblico o chiusura strade;
      • SOLO SE PRESENTE ..........quadro D1 descrizione alimenti;
      • SOLO SE PRESENTE .......... quadro E presenza di animali;

allegati obbligatori:

  • relazione tecnico descrittiva generale della manifestazione con planimetria (lay out) e calcolo di affollamento e vie di fuga di rispondenza alla regola tecnica (D.M. 19/08/1996) a firma di tecnico abilitato
  • Progetto eletttrico (se ci sono impianti di una certa rilevanza e nel caso di manifestazioni notturne progetto per l'illuminazione d'emergenza)
  • Progetto dell'impianto del gas (se ci sono impianti di una certa rilevanza)
  • Specificare addetti antincendio (uno ogni 250 persone con rischio alto oppure medio con esame finale per piccole manifestazioni)
  • Certificazione dell'elettricista (sempre se ci sono impianti elettrici)
  • Relazione d'impatto acustico per i concerti di musica
  • Certificazione del gasista (sempre se ci sono impianti del gas)
  • Corretto montaggio delle strutture (per piccoli gazebo basta un'autocertificazione di chi l'ha montato)
  • Verifica che gli estintori siano regolarmente revisionati

ATTENZIONE! gli impianti elettrici, per la distribuzione del gas e gli impianti di diffusione sonora, NON devono mai essere calestabili o raggiungibili dal pubblico;

  • CASO 2
  • Manifestazioni con massimo 200 persone: si conclude oltre le ore 24:00 del giorno di inizio     almeno 25 giorni prima
    • Rimane tutto come nel prImo caso, ma anzichè presentare una Scia (art. 68 Tulps) o trattenimento (art. 69 Tulps) deve essere presentata una DOMANDA
  • CASO 3 
  • Manifestazioni con più di 200 persone:   almeno 50 giorni prima 
    • presentare Autocertificazione (Tabella di valutazione del rischio);
    • presentare Domanda di Agibilità (art. 80 Tlps);
    • presentare Domanda spettacoli (art. 68 Tulps) o trattenimenti (69 Tulps), la quale contiene i seguenti quadri:

allegati obbigatori:

  • progetto preliminare da sottoporre alla valutazione della CPLV; a firma di tecnico abilitato;
  • planimetria quotata e lay out; a firma di tecnico abilitato;
  • VALUTAZIONE il progetto è valutato dalla Commissione Provinciale Pubblici Spettacoli (Prefettura e Vigili del Fuoco);
  • SOPRALLUOGO a seguito della valutazione viene effettuato il sopralluogo;
  • RILASCIO licenze (art. 80 Tulps e 68 o 69 Tulps);
  • relazione tecnico descrittiva generale della manifestazione con planimetria (lay out) e calcolo di affollamento e vie di fuga di rispondenza alla regola tecnica (D.M. 19/08/1996) a firma di tecnico abilitato
  • Progetto eletttrico (se ci sono impianti di una certa rilevanza e nel caso di manifestazioni notturne progetto per l'illuminazione d'emergenza)
  • Progetto dell'impianto del gas (se ci sono impianti di una certa rilevanza)
  • Specificare addetti antincendio (uno ogni 250 persone con rischio alto oppure medio con esame finale per piccole manifestazioni)
  • Certificazione dell'elettricista (sempre se ci sono impianti elettrici)
  • Relazione d'impatto acustico per i concerti di musica
  • Certificazione del gasista (sempre se ci sono impianti del gas)
  • Corretto montaggio delle strutture (per piccoli gazebo basta un'autocertificazione di chi l'ha montato)
  • Verifica che gli estintori siano regolarmente revisionati
 

gli imprenditori hanno l'obbigo di inviare la pratica tramite il portale regionale   lepidaspa   suapER  

le Associazioni culturali, sportive, di volontariato ecc., sono tenute ad utilizzare il portale suapER.

La modulistica ( allegati ) deve essere utilizzata esclusivamente nel caso in cui non sia possibile accedere al portale SuapER.


Rumore

Le manifestazioni ubicate nelle aree individuate dai Comuni ai sensi dell’art. 4, comma 1, lett. a) della L. 447/95 ed in coerenza con quanto previsto all'art. A-15 della L.R. n. 20/2000 devono, di norma, rispettare i limiti indicati nella tabella 1 allegata. La tabella fornisce, in via del tutto indicativa, anche una proposta di durata degli eventi e di numero giornate massime previste. 

 Nelle altre aree sono consentite le manifestazioni secondo i criteri ed i limiti indicati in tabella 2.

L'indicazione della durata massima degli eventi riportata nelle tabelle deve anche tener conto  delle prove tecniche degli impianti audio.

Al di fuori degli orari indicati devono  comunque essere rispettati i limiti di cui al DPCM 14/11/97.

 

TABELLA 1: aree di cui all’ art.4 co.1, lett.a) della L.Q. 447/95.

Aree  destinate a manifestazioni con grande afflluenza di pubblico e/o di lunga durata (feste popolari, circhi, luna park e spettacoli viaggianti, ecc..) e che possono presentare anche  diversi punti di emissione  le cui localizzazioni, sia in relazione all’ampiezza che alla distanza dai potenziali ricettori, siano tali da contenere i fenomeni di inquinamento acustico nei limiti sottoindicati

I valori di cui alla presente tabella non sono applicabili all’intera durata delle manifestazioni , ma solamente ai singoli eventi svolti all’interno delle stesse, che per loro natura non possono rispettare i limiti di immissione e pertanto fruiscono del regime di deroga.

SITO

Affluenza

N.Max. di gg

Durata

Limite in facciata LAeq

Limite in facciata LAslow

Limite LASmax

per il pubblico

Limite Orario

Individuazione cartografica

 

afflusso atteso > 5000 persone

5

//

70

75

108

24

afflusso atteso >300 persone

//

4h

65

70

108

23.30 (1)

00.30 (2)

Note: (1) feriali e festivi – (2) venerdì e prefestivi

 

TABELLA 2

Cat

Tipologia di Manifestazione

Afflusso atteso

Durata

N.Max. di gg

Per Sito

Limite In Facciata LAeq

Limite LASlow

In Facciata

Limite

Orario

Limite in facciata LASmax

1

Concerti all’aperto

> 1000

4h

3

(non consecutivi)

95

100

23

108

2

Concerti  al chiuso (nelle strutture non dedicate agli spettacoli, ad es. palazzetto dello sport)

> 1000

4h

10

70

75

23

108

3

Concerti all’aperto

> 200

4h

6

(non consecutivi)

85

90

23

108

4

Discoteche e similari all’aperto

>200

4h

16

(non consecutivi)

70

75

23.30

108

5

Attività musicali all’aperto quali ad es. piano-bar  esercitati a supporto di attività principale ad es. bar, gelaterie, ristoranti, ecc.

< 200

4h

16

70

75

23.30

108

 

ALIMENTI: ATTESTATO DI ALIMENTARISTA

iL LIBRETTO DI IDONEITA' è stato sostituito con l'attestato di formazione per operatore alimentarista il cui rilascio avviene secondo le modalità indicate nella Delibera di Giunta Regionale dell'Emilia-Romagna n. 342/2004 che definisce i criteri e le modalità di accesso ai corsi, e di rilascio degli attestati.


Come si ottiene l'attestato alimentarista

L'utente può ottenere l'attestato alimentarista:
a) partecipando a corsi di formazione/aggiornamento, con il superamento del test di valutazione finale, organizzati gratuitamente dall'Azienda USL di Modena;
b) sostenendo solo il test di valutazione in sessioni appositamente dedicate, a seguito di autoformazione/autoaggiornamento con materiale idoneo;
c) richiedendo il rilascio d'ufficio nei seguenti casi:
- se ha frequentato e superato un corso per l'Idoneità al commercio Alimentare (LR14/1999)
- se ha frequentato e superato un corso per la Somministrazione di Alimenti e Bevande (LR 14/2003)
- se ha frequentato e superato un corso imprenditore commerciale e somministrazione di alimenti e bevande (DGR n. 1597/2010, D. Lgs. n. 52/2010) 
- se ha frequentato un corso alimentaristi ai sensi di Deliberazioni o Leggi di altre Regioni italiane, ancora in corso di validità
- se è in possesso di uno dei titoli di studio elencati in tabella (scarica la tabella).

 

allegati



 

 

Data ultima modifica: 25/06/2018 14:36:54 - N° visioni: 5.014 - Stampa

Sei il visitatore n° 7.479.357 - Totale utenti attualmente collegati: 107

Stemma del Comune di Savignano sul Panaro
Comune di Savignano sul Panaro
Via Doccia, 64 - 41056 Savignano sul Panaro (MO)
Tel. 059 759 911 - Fax 059 730160
E-mail: info@comune.savignano-sul-panaro.mo.it
Posta elettronica certificata: comune.savignano@cert.unione.terredicastelli.mo.it
Partita IVA 00242970366

© 2008-2019 Comune di Savignano sul Panaro - Sito realizzato con stile e criterio da Aitec.it

Ultimo aggiornamento: Mercoledì, 20 Marzo 2019