Comune di Savignano sul Panaro

Turismo » Da vedere

Da vedere

 

DA VEDERE

 

Lantico borgo medievale:

Di grande interesse storico e architettonico, situato a Savignano alto, è testimonianza di un passato importante e denso di storia. Al suo interno spicca il Castello di Savignano, noto fin dal 1026, la cui struttura è dominata da una torre in sasso sotto la quale si apre un arco sormontato da un affresco raffigurante la Madonna col Bambino. Secondo alcuni studi la struttura originaria, a pianta romboidale, sorgeva sulla sommità del colle, poi ampliato e fortificato con tre ordini di mura e torri.

 

 

La Chiesa Parrocchiale

Della Chiesa Parrocchiale di Savignano si ha notizia in documenti del 1027 e del 1033. L'impianto odierno risale però ad un rifacimento del 1746, quando venne costruita e dedicata alla Madonna Assunta. L'esterno presenta una facciata piuttosto sobria e disadorna, mentre nell'interno, caratterizzato da una sola navata sovrastata da una volta a botte, si aprono cinque cappelle e la tribuna al livello del presbiterio. Le pareti mostrano decorazioni ad affresco del modenese Pietro Vilo (1858) oltre che opere dei pittori Celeste e Angelo Bergamini e Ugo Lucerni da Parma. E' qui conservato anche l'originale in gesso del Compianto,  eseguito dal pittore e scultore Giuseppe Graziosi (1879-1942), patinato da Ugo Lucerni. Nella Cappella della Madonna del Rosario si trova un dipinto del XVIII del bolognese Paolo Varrotti raffigurante i SS. Caterina da Siena e Domenico, mentre nella Cappella del SS. Crocifisso è custodita una tela del modenese Francesco Vellani (1688-1766) rappresentante i SS. Antonio Abate, Francesco d'Assisi, Antonio da Padova e Biagio Martire.

Musei

Di notevole importanza archeologica sono i resti dello scheletro di un elefante pliocenico, attualmente esposto nel Museo dell’Elefante, vissuto circa 2 milioni di anni fa, il cui ritrovamento è avvenuto sul greto del fiume Panaro nel 1980.

Un altro reperto di grande rilievo è la statuetta della “Venere”, una scultura a tutto tondo ritrovata nel 1925 e risalente al paleolitico superiore. Essa è custodita nel Museo della Venere che propone un interessante viaggio nel mondo dell’arte preistorica legata alle raffigurazioni femminili.

Informazioni:

Apertura: domenica e festivi 14.30-18.30 - Nei giorni feriali apertura su prenotazione al num. 059 731439

Ingresso e visite guidate gratuiti

Il Mosaico Riscoperto

Scoperto nel 1897 dallo storico ed erudito savignanese Arsenio Crespellani lungo l’antica via Claudia vicino a Savignano sul Panaro, il mosaico policromo decorava l’ambiente di una ricca dimora di campagna degli inizi del V secolo d.C.

L’elegante pavimentazione venne lasciata sul posto e ricoperta di terra. Come unica testimonianza rimase un acquerello dipinto dall’artista savignanese Giuseppe Graziosi che ne metteva in evidenza la raffinata fattura.

Nel 2010 il mosaico è stato nuovamente oggetto di indagini archeologiche in occasione dei lavori per la realizzazione di una rotatoria da parte della Provincia di Modena che ne ha finanziato il distacco ed il restauro.

Questo reperto, davvero unico, dopo l’esposizione temporanea presso il Lapidario Romano dei Musei Civici di Modena, può ora essere ammirato presso la Casa natale di Giuseppe Graziosi in località Mulino di Savignano s.P., a poca distanza dal luogo della scoperta.

Il grande mosaico distaccato e rimontato presso la Casa del Graziosi si sviluppa su un intreccio geometrico di ottagoni e cerchi, con al centro una decorazione figurativa racchiusa entro una corona di foglie d’alloro realizzata impiegando anche tessere in vetro rosso e verde e testimonia una committenza ricca e raffinata, che attraverso il lusso degli ambienti intendeva sottolineare il proprio status sociale.

Per informazioni e visite guidate : biblioteca comunale, tel. 059-731439

info@comune.savignano-sul-panaro.mo.it

 

Monumenti
In piazza Falcone si trova la Fontana del noto scultore savignanese Antonio Sgroi, raffigurante una fanciulla che si protende verso la libertà, segno di speranza e di vittoria.

In merito a questa opera, dichiara Antonio Sgroi: " Mi era stato dato un tema per niente facile. Potevo scadere nel banale, nel celebrativo, e finire col fare il solito monumento. Ho pensato a una dimensione più universale. Il labirinto è l’intrigo mafioso, ma è anche le costrizioni, le angosce in generale. La fanciulla che si libera è un segno di speranza, di vittoria. Anche l’acqua l’ acqua che sovrasta il labirinto della vita; il labirinto è sommerso come la mafia che nel sommerso agisce".

Note critiche di Vladimiro Zocca: La composizione architettonica scolpita da Antonio Sgroi ha saputo riconoscere quanto il valore della memoria possa arricchire i contenuti sociali di una comunità che vuole ricordare l’azione della giustizia nella libertà fino al sacrificio della vita. (…) La simbologia è trasparente come l’acqua che scorre e si riversa alla base della figura femminile. L’acqua in movimento si fa strada in un labirinto (…); è il labirinto dell’intrigo mafioso, inteso non ideologicamente, ma generalizzato in tutto ciò che si oppone al benessere della società e delle singole coscienze. (…) Nella leggera diagonale del corpo proteso, la donna conclude la triangolazione delle braccia nel vertice alto di una melagrana, simbolo mitico dell’immortalità e della rigenerazione. (…) Nella struttura granulare del frutto (…) si intravede il profilo panciuto della preistorica Venere di Savignano. Come se lo scultore intendesse stabilire un fecondo rapporto di amorosa continuità figurativa fra il suo fare arte, il territorio nel quale è nato e i manufatti arcaici racchiusi nella sua terra natale.sto artista ha realizzato anche la scultura monumentale in marmo dedicata ad Antonio Gramsci inaugurata a novembre 2007, che si trova nel Parco di via Gramsci.

Questo artista ha inoltre realizzato la scultura monumentale in marmo dedicata ad Antonio Gramsci, inaugurata a novembre 2007, situata nel Parco di via Gramsci a Savignano.

Per maggiori informazioni: www.antoniosgroi.it

 


 

 


 

Informazioni: Ufficio Turismo
Via doccia, 64
sav (MO)
tel. 059.759944 - fax 059.730160
email: eventi@comune.savignano-sul-panaro.mo.it

Data ultima modifica: 12/03/2015 16:54:25 - N° visioni: 18.072 - Stampa

Tutte le informazioni

Informazioni trovate: 2

Sei il visitatore n° 8.050.837 - Totale utenti attualmente collegati: 150

Stemma del Comune di Savignano sul Panaro
Comune di Savignano sul Panaro
Via Doccia, 64 - 41056 Savignano sul Panaro (MO)
Tel. 059 759 911 - Fax 059 730160
E-mail: info@comune.savignano-sul-panaro.mo.it
Posta elettronica certificata: comune.savignano@cert.unione.terredicastelli.mo.it
Partita IVA 00242970366

© 2008-2019 Comune di Savignano sul Panaro - Sito realizzato con stile e criterio da Aitec.it

Ultimo aggiornamento: Venerdì, 23 Agosto 2019